IL REGALO PIÙ BELLO PER NOI? FARE PREVENZIONE!

responsive

Ada Gaballo, volontaria Komen Italia, ci racconta come ha vinto il tumore al seno e come la prevenzione possa salvare la vita. Un bel invito per Natale, vero?

 

Vogliamo ringraziare Ada, per aver accettato di condividere, con le nostre lettrici di Victoria, la sua esperienza a lieto fine. Dalla scoperta, alla paura, alla spinta a guarire, fino al rapporto con Susan G. Komen Italia, l’associazione impegnata nella lotta contro il tumore. È una bella testimonianza per tutte le donne. Infatti anche noi, come Ada, e come Komen, crediamo che sia importante infondere coraggio e promuovere la cultura della prevenzione, perché può davvero cambiare la vita.

Signora Ada oggi lei è guarita, è serena?

Più che serena oggi posso dire di aver sconfitto il tumore.

Che cos’è per lei la felicità?

Per me la felicità è Rinascita.

Ma come è cominciata, come ha scoperto di avere un tumore al seno?

Un giorno mentre lavoravo mi sono chiesta “da quando non faccio uno screening mammografico?” Ho deciso quindi di chiamare subito il Centro Integrato di Senologia del Policlinico Gemelli per prenotare la visita. Al momento della diagnosi, scrutavo gli occhi dei medici per capire cosa mi stesse succedendo, in loro vedevo un po’ di preoccupazione. Avevo delle microcalcificazioni. Sono stata operata subito. 

Quale è stata la sua prima reazione alla notizia?

All’inizio ho avuto tanta paura… da un giorno all’altro la mia vita stava cambiando... avevo paura del domani, di non sapere cosa avrei dovuto affrontare.

Come hanno reagito i suoi familiari? Lo ha detto alle amiche?

Ho raccontato della mia malattia alle mie amiche che mi hanno coccolato per tutto il tempo, per tutto il percorso della terapia sempre più pesante e ogni giorno sempre più impegnativo… Soprattutto i miei familiari mi sono stati molto vicini. Mio marito mi ha accompagnato con dolcezza nel percorso, mio figlio aveva 12 anni e non riusciva a capire bene cosa stesse succedendo alla sua mamma …perché ero cambiata? Perché stavo cambiando? Sembra strano dirlo ma questa esperienza mi ha reso più forte e ora mi fa guardare alla vita con occhi diversi… con gli occhi di una moglie e di una mamma che non si arrende perché noi donne siamo forti.

E Susan G. Komen Italia? Come è entrata in contatto con questa associazione?

Ho incontrato la Susan G. Komen Italia qualche anno fa mentre facevo la terapia. Ho visto un cartellone che invitava a partecipare alla Race for the Cure al Circo Massimo, a Roma. Ci sono andata e una grande famiglia fatta di Donne in Rosa, donne che come me affrontano il tumore del seno, e di tanti altri volontari, mi ha accolto a braccia aperte. È stato un momento molto importante per me. Poter condividere con migliaia di altre donne quello che stavo vivendo mi ha dato più coraggio per affrontare la malattia. Sapevo di non essere sola.

Lei sostiene il Natale in Rosa di Komen? Può spiegare di cosa si tratta alle nostre lettrici?

Sono 3 anni che sono volontaria alla Susan G. Komen Italia e in questo periodo di Natale si organizzano dei mercatini dove facciamo conoscere la nostra Associazione e vendiamo dei lavori fatti dalle stesse volontarie. Tra le nostre proposte potrete scegliere il regalo solidale più adatto ai vostri familiari e amici. I nostri regali sono pensati per ogni esigenza, acquistare regali solidali per Natale vuol dire contribuire al sostegno di una causa che, direttamente o indirettamente, coinvolge tutti.

Copia di V_Banner_605x120_COLORI da MODIFICARE (41)

Un’ultima domanda: alla luce di questa sua esperienza, cosa direbbe oggi alle donne, specialmente alle sue coetanee?

Chiudete gli occhi e puntate il dito sul calendario e quel giorno dedicatelo a voi, alla prevenzione, ad una visita o a uno screening mammografico… il tumore mi ha minato nel corpo, ha messo a dura prova lo spirito ma io oggi sono qui, insieme a voi per ricordarvi che la prevenzione è importantissima. Non dimenticate di fare prevenzione!

Vuole dirci un suo augurio di Natale speciale?

Auguro a tutte le amiche di Victoria di trascorrere un sereno e felice Natale con i propri cari.

 

Amiche, per capire meglio senza allarmarsi, potrebbe interessarvi sapere come distinguere i primi sintomi, qui qualche suggerimento, anche se niente sostituisce un dottore!

Dubbi sull’alimentazione? Quali cibi sì quali no per prevenire il tumore? Qui vi aspetta qualche risposta

Fatevi un giro qui per approfondire il tema prevenzione con un parere medico

Lascia un commento *Testo obbligatorio
Confermo di essere responsabile di tutto il contenuto caricato e di accettare le regole della Community

QUESTO NATALE RICEVI CIÒ CHE VERAMENTE DESIDERI!

Dopo anni di regali sbagliati, è arrivato l’ora di prendere in mano la situazione! Ecco come aiutare i tuoi cari a farti finalmente il dono giusto.

NATALE IN ROSA, È UN’ALTRA COSA

Sostieni la lotta ai tumori con i regali solidali di Susan G. Komen Italia. Perché questo Natale anche un piccolo dono può essere di grande aiuto

Olaz Regenerist Anti-Età 3 Zone

Pelle ravvivata, elastica e dall'aspetto più giovane*