ALITO CATTIVO: COME EVITARLO IN 5 SEMPLICI MODI

ALITO CATTIVO: COME EVITARLO IN 5 SEMPLICI MODI

Una persona su quattro soffre di alitosi: ma con qualche piccolo consiglio ci si può liberare dell’alito cattivo e dei conseguenti imbarazzi!

Tutti ne faremmo a meno, ma la quantità di cibo e bevande che passano dalla bocca per un quarto di noi si traduce in alito cattivo. Una buona igiene orale è quindi fondamentale per impedire ai batteri di proliferare e produrre gas sgradevoli. Per avere un alito fresco assicurato, continua a leggere.

  1. Perfeziona la tua routine dentale

La causa principale dell’alito cattivo sono i batteri su (e tra) denti, lingua e gengive: partiamo allora da lì. Prima di andare a dormire e appena ti alzi, spazzola denti e gengive come raccomandato dai dentisti. Difficile? No, se utilizzi il nuovo Oral-B Genius 9000, un sistema intelligente che, non solo rimuove fino al 100% di placca in più rispetto ad uno spazzolino manuale tradizionale ma, grazie alla Oral-B App 4.1, ti aiuta a spazzolare ogni area della bocca senza trascurarne nessuna e per i 2 minuti raccomandati dai dentisti.

Abbina all’azione di Oral-Genius, un dentifricio come AZ Pro Expert Prevenzione Superiore. Grazie alla sua  sua innovativa formula , lascia i denti più sani e più forti rispetto ad un dentifricio tradizionale. Clinicamente dimostrato*. La sua forza è il Floruro Stannoso Stabilizzato – principio attivo dalle proprietà antibatteriche che aiuta a ridurre infiammazioni e placca – che per la prima volta si presenta in gel, per un’efficacia potenziata e un effetto in bocca davvero piacevole e fresco. In questo modo anche l’alito ne beneficerà ma anche il rapporto con gli altri!

*Studi clinici su placca ed erosione dello smalto

6 errori che fanno invecchiare i denti

  2. Annienta l’aglio!

Tutte noi sappiamo che l’aglio può causare alito cattivo... ma sappiamo anche quanto è buono! Piuttosto che optare per una pasta all’arrabbiata insipida sgranocchia una mela o qualche foglia di lattuga subito dopo mangiato. In uno studio americano è stato chiesto ai partecipanti di masticare dell’aglio per 25 secondi e subito dopo è stata data loro una mela, della lattuga o della menta fresca. Il risultato? La mela e la lattuga abbassano del 50% la concentrazione delle sostanze chimiche responsabili dell’alito da aglio. A quanto pare, questi cibi combattono l’alito provocato dall’aglio in due modi: prima di tutto, gli enzimi aiutano a distruggere gli odori, successivamente i composti fenolici distruggono le sostanze chimiche che causano l’alito cattivo. Non c’è  quindi più bisogno di rinunciare al bacio della buonanotte dopo un’ottima cena, basta mangiare un’insalata per contorno!

  3. Evita la bocca asciutta

La saliva è un antisettico naturale che rompe le particelle di cibo e blocca la proliferazione batterica nella bocca; ecco perché anche la disidratazione può essere colpevole di alito cattivo. Per produrre abbastanza saliva, si deve rimanere idratati tutto il giorno. Bevi dunque spesso acqua e tisane alle erbe, ed evita l’alcol. Altra causa della bocca asciutta è respirare dalla bocca invece che dal naso. È anche utile sapere che alcuni medicinali, come i nitrati usati per trattare l’angina o alcuni tranquillanti, possono limitare la produzione di saliva. Oppure puoi provare a masticare una gomma senza zucchero, per aiutare la bocca a non asciugarsi. Secondo uno studio americano, infatti, masticare una gomma senza zucchero alla cannella per 20 minuti riduce i batteri causa di alito cattivo grazie ai naturali agenti antibatterici. Infine, puoi stimolare in modo naturale la produzione di saliva consumando crudités ricche di acqua come carote o sedano, che aiutano a rimuovere gli accumuli di placca e stimolano la produzione di saliva.

  4. Segui uno stile di vita sano

Tra le cause dell’alito pesante c’è il fumo, che inoltre macchia i denti, irrita le gengive e provoca la perdita del gusto. Ecco perché è importante smettere di fumare! Anche bere molto alcol può peggiorare l’alito cattivo. Ricercatori dell’Università di Tel Aviv hanno scoperto che anche il sovrappeso può causare problemi: più sono i chili di troppo, maggiori sono le probabilità che il tuo alito non sia il massimo del profumo. I motivi non sono ancora del tutto chiari ma il collegamento potrebbe essere dato da una dieta che promuove la secchezza della bocca (cibi molto salati, per intenderci). Ma, se essere in sovrappeso è sbagliato, nemmeno provare a dimagrire con diete drastiche, digiuno o regimi alimentari poveri di carboidrati è corretto. Una dieta estrema causa la rottura delle cellule di grasso, che producono sostanze chimiche chiamate chetoni, il cui odore si sente attraverso l’alito. La soluzione è quella di mantenere il peso forma seguendo una dieta bilanciata.

  5. Mangia yogurt per il tuo intestino!

L’alito cattivo può essere collegato allo stato di salute dell’intestino, poiché uno squilibrio tra i batteri buoni e quelli cattivi può essere causa di cattivo odore. Uno studio giapponese ha scoperto che mangiare yogurt tradizionale, alimento che contiene probiotici, riduce i batteri nocivi, causa di alito pesante. I livelli di questi spiacevoli composti solforosi volatili sono diminuiti dopo sei settimane nell’80% dei volontari che assumevano yogurt. E la loro bocca è risultata più sana, con i livelli di placca significativamente più bassi. Impressionante!

facciamo lo yogurt insieme 

Potrebbe interessarti:

Lascia un commento * Campo obbligatorio
Confermo di essere responsabile di tutto il contenuto caricato e di accettare le regole della Community
  • Mostra commenti

alito cattivo il rimedio

15/05/2017

io suggerisco mangiare foglie di insalata......

Alito cattivo

15/05/2017

Aiuta molto masticare una fogliolina di menta.......

AUTUNNO I BUONI PROPOSITI DA FARE E MANTENERE

Approfittiamo di questa nuova epoca per tener fede a tutte le promesse che ci siam fatte. In autunno non ci sono più scuse!

COME PRENDERCI CURA DI DENTI E GENGIVE

Sapevi che è importante cambiare alcune abitudini d'igiene orale, una volta passati i 50 anni? La nostra esperta, l'igienista Stefania Barbieri, ce lo spiega.