LA MEMORIA? IL SEGRETO È NUTRIRLA!

LA MEMORIA? IL SEGRETO È NUTRIRLA!

Con l’età la capacità di concentrazione o di memoria diminuisce, è dimostrato. Esercizio, una dieta sana e integratori alimentari però possono aiutare!

Si sa che ad una certa età capita di dimenticare nomi, date, e che le parole sfuggano.
È come se a un certo punto una nube arrivasse ad offuscare la lucidità di un tempo.
La cosa interessante è che è normale e comune. A dimostrarlo è uno studio condotto dall’università di Rochester su 117 donne fra i 50 e i 60 anni. Il 30-60% delle intervistate infatti lamentava un peggioramento della memoria. Perché? Miriam Weber, dottoressa che ha condotto e pubblicato la ricerca sulla rivista Menopause* spiega che il periodo di transizione verso l’età infertile è un processo «lungo e lento, più complesso di quanto si fosse supposto finora. Le donne, poi, sono particolarmente “brave” a rendersi conto dei sottili cambiamenti nelle capacità cognitive, probabilmente proprio perché questi si accompagnano a un periodo in cui altri “segni”, come le vampate, richiamano l’attenzione su un corpo e una condizione psicofisica che cambiano”.

Che fare dunque? Sembra che tutto stia nell’alimentare e stimolare la memoria e per fortuna gli esercizi sono anche piacevoli:
  1. Leggere, così oltre a nutrire la mente si nutre anche lo spirito.
  2. Allenarsi con le parole crociate, sudoku, test di logica, tutto ciò che oggi viene chiamato “braintraining” (provate ogni settimana con i quesiti pensati per voi da Victoria).
  3. Compensare anche qualche carenza fisiologica, poiché a questa età, vengono a mancare quelle sostanze utili a nutrire anche il cervello. L’organismo rallenta e diminuisce l’efficienza con cui trasforma i principi nutritivi in energia, e così riduce la sua reattività, sistema immunitario incluso. Per fortuna le soluzioni ci sono. La cosa fondamentale è migliorare la nostra dieta quotidiana con la giusta dose di vitamine, minerali, aminoacidi, lipidi e proteine. Tutti elementi che si trovano in alcuni cibi e anche in alcune erbe.

Oggi il meglio dei principi attivi, per integrare la propria dieta, si può trovare anche in integratori ad hoc.
È il caso di Swisse Multivitaminico Donna 50 + e Uomo 50 + che si trovano in farmacia e contiengono proprio vitamine, minerali, estratti di erbe naturali e altri nutrienti. Con la loro formulazione unica contribuiscono anche alla normale funzione cognitiva.
Qualche dettaglio tecnico:
lo Zinco, lo Iodio e il Ferro contenuti, contribuiscono alla normale funzione cognitiva.
L’Acido Pantotenico aiuta a supportare le normali prestazioni mentali.

Ma i nutrineti contenuti in Swisse Multivitaminico fanno anche di più: contribuiscono al normale metabolismo energetico, aiutano a mantenere sane le ossa, supportano le difese naturali e, cosa molto importante, contribuiscono alla riduzione di stanchezza e affaticamento.
Insomma è un aiuto validissimo per sentirsi al meglio ogni giorno. Come dicevano i latini, “Mens sana, in corpore sano”, vedete che ve lo ricordate?

*Fonte: Weber M., “ Cognition in peimenopause: the effect of transition stage” Menopause 2013.

Potrebbe interessarti:

Lascia un commento * Campo obbligatorio
Confermo di essere responsabile di tutto il contenuto caricato e di accettare le regole della Community
  • Mostra commenti

Swisse

21/09/2017

L'ho provato ed è un ottimo integratore, lo ricomprerò sicuramente. Lo consiglio vivamente.

giusto per me

marinaina 26/03/2016

allora è proprio da provare

allenamento e mente

lu44 25/03/2016

Leggo poco, vado molto in bicicletta, le parole crociate non le faccio piu'.......mi sa che devo correre ai ripari.....

mente sana

24/03/2016

Sono pienamente d'accordo, bisogna allenare sempre tutto il corpo compresa la mente.

mente allenata

23/03/2016

Sono d'accordo tenere la mente in allenamento ci fa sentire più giovani

AUTUNNO I BUONI PROPOSITI DA FARE E MANTENERE

Approfittiamo di questa nuova epoca per tener fede a tutte le promesse che ci siam fatte. In autunno non ci sono più scuse!

DONNE DI TUTTE LE ETÀ, PREVENITE!

Nel mese dedicato alla prevenzione dei tumori al seno, abbiamo posto alcune domande al prof. Riccardo Masetti, direttore del Centro Integrato di Senologia del Policlinico Gemelli di Roma e presidente di Susan