PROFUMO DI RICORDI, UN VIAGGIO NEL PASSATO

PROFUMO DI RICORDI, UN VIAGGIO NEL PASSATO

Risulta incomprensibile il modo in cui la mente associa gli odori ai ricordi, ma succede! Gli odori, infatti, ci riportano a momenti speciali della nostra vita.

Il profumo dei fiori ti trasporta al giorno del tuo matrimonio, quello del pane ti ricorda la cucina della nonna... Perché gli odori hanno un vincolo così forte coi ricordi?

Gli odori sono molto importanti per noi: scatenano dei ricordi o unemozione improvvisa, come quello di un nipote appena nato o il profumo persistente della lozione dopobarba sulla giacca del nostro compagno. Perché?

Dare un senso agli odori

Perché lolfatto, più di qualsiasi altro senso, ci riporta automaticamente a un momento, un luogo o un sentimento? I neuroscientifici hanno fatto ricerche per anni, scoprendo che ci sono circa mille tipi diversi di recettori degli odori, grazie ai quali possiamo vincolare degli odori molto specifici a dei momenti particolari. Sfortunatamente, non esistono dei nomi per tutti. Sembra che siamo in gradi di identificarli solo quando sono vincolati a qualcosa che possiamo descrivere facilmente, tipo il profumo del prato appena tagliatoo l’“odore della pioggia sullasfalto caldo. Questo significa che, tutti quegli odori che non possiamo spiegare (quelli cioè che sono meno specifici), si memorizzanoin modo diverso, più emotivo che descrittivo. Vuoi teletrasportarti automaticamente alla tua infanzia? Prova a ricordare la sensazione dei vestiti appena lavati con Dash e stesi al sole, oppure annusa un podi pane fresco...

Nelle profondità del cervello

La parte del cervello che elabora gli odori si chiama bulbo olfattivoe si trova vicino allippocampo. Questo è significativo, poiché lippocampo crea i ricordi, soprattutto quelli associati alle esperienze. Lolfatto è lunico senso che va dritto al cervello, senza dover attraversare altre parti per arrivarci, a differenza delludito e della vista. Nelle profondità del cervello le impressioni sensoriali, senza essere toccate da parole descrittive, possono mescolarsi facilmente coi ricordi di luoghi e momenti specifici.

Fatti VS emozioni

I ricordi proustiani, o involontari, ci trasportano così rapidamente nel nostro passato perché, quando ricordi qualcosa di semplice da nominare o qualcosa di più difficile da ubicare, si attivano parti diverse del cervello. Quando cerchiamo di ricordarci alcune cose, ci focalizziamo sui dettagli (ad esempio, il vento soffiava con forza ed eravamo in cima ad una grande collina), e non sui sentimenti. Lolfatto va nell'area della memoria emotiva del cervello, mentre le parole entrano nel campo del pensiero. Quindi, la prossima volta che ti senti nostalgico a causa di un odore specifico, adesso sai perché!

Hai mai sperimentato un sentimento di nostalgia a causa di determinati odori? Raccontacelo! Che odori associ alla tua infanzia?

Potrebbe interessarti:

Lascia un commento * Campo obbligatorio
Confermo di essere responsabile di tutto il contenuto caricato e di accettare le regole della Community

LE DONNE CHE HANNO VINTO GLI OSCAR NELLA STORIA

Una storia femminile, ecco i premi alle migliori attrici (protagonista e non). Qualcuna di loro è entrata nella leggenda.

FAME DI BELLEZZA? 6 MOSTRE CHE VI SAZIERANNO

Qualche idea per rifarvi gli occhi e la mente, perché più l’età aumenta, più si ha voglia di gustare tutto.