INTERVISTA A CHEF BARBIERI: "MIA NONNA, LA MUSA DELLA MIA VITA GASTRONOMICA"

INTERVISTA A CHEF BARBIERI:

Bruno Barbieri, chef pluri-stellato, ha creato un suo stile gastronomico inconfondibile, oltre a essere un vero personaggio. In Victoria 50 ne parliamo vis-à-vis con lui!

Bruno Barbieri, chef pluri-stellato, ha creato un suo stile gastronomico inconfondibile, oltre a essere un vero personaggio. In Victoria 50 ne parliamo vis-à-vis con lui!

Bruno Barbieri, chef pluri-stellato, ha creato un suo stile gastronomico inconfondibile, oltre ad essere un vero personaggio. Per lui, sono le cose semplici che fanno la differenza, in tutto. Schietto, vero, è un piacere intervistarlo, perché con il suo bell’accento emiliano ci racconta molto di sé, anche sulla nonna, suo grande mito. Professionista eclettico ed infaticabile, adora le tradizioni, così come ama sperimentare, anche nella vita. Si è anche divertito a fare il testimonial di Fairy in TV.

V50 - A chi dedica le 7 stelle che ha preso in questi anni?

CHB - Per primo a mia nonna, la vera grande maga dei fornelli. E, poi, a mia madre, quella che mi ha sempre sostenuto, appoggiandomi anche nei momenti difficili.

V50 – Com’è cominciato tutto?

CHB - Mia nonna è stata la musa della mia vita gastronomica, quella che mi ha trasmesso la passione per il cibo, la ricerca. Mi spiegava perché i fiori di zucca si raccolgono all’alba, perché il basilico non è solo verde, ma anche rosso… A mangiare seguendo le stagioni… Non mi avrebbe mai permesso di mangiare le fragole a dicembre!

V50 - Lei ha dichiarato che l’età migliore per uno chef è tra i 35 e i 50 anni; e dopo, i 50 cosa si fa?

CHB - Si lavora raccontando come si diventa chef. Si fa crescere i giovani, si scrivono ricettari, si perfezionano e si trasformano i propri stili gastronomici.

V50 - Come vive dunque la sua età?

CHB - Ho deciso di rimettermi in gioco, ad esempio sviluppando una cucina più libera come quella del bistrot Fourghetti! Potrei anche cimentarmi con il circuito della moda, del design, creare accessori legati al mondo del cibo e dell’abbigliamento, non solo da cucina!

V50 - Il suo progetto-sogno?

CHB – I sogni nel cassetto sono sempre stata una mia priorità di vita, come si dice in bolognese “dargliela su”! Per ora sto scrivendo un nuovo libro ma mi piacerebbe anche provare con il teatro, raccontando la mia storia gastronomica.

V50 - Gli uomini di 50 anni e più, stanno cambiando?

CHB – Non sono cambiati gli uomini, ma è cambiato il mondo! Gli uomini sono diventati anche più casalinghi, sono più creativi, si occupano di più cose e vivono una vita più moderna.

V50 - E le donne?

CHB – Le donne sono donne, fanno la differenza sempre e ovunque, non solo in cucina.

V50 - Ha amiche over50 o donne di questa età nel suo staff?

CHB – Sì! Le amo, hanno carisma, sono bizzarre, sempre pronte a mettersi in discussione. Hanno sempre una soluzione e non mollano mai, sono divertenti.

V50 - Quando vuole trasgredire… dolce o salato?

CHB – Amo i tortellini in tutte le versioni, sempre presenti nei miei menù, sempre in prima fila!

V50 - Secondo Lei, nello stile, sono i dettagli che fanno la differenza?

CHB – Mia madre è stata una grande sarta, mi ha insegnato tutto di quel mondo. So stirare perfettamente, attaccare un bottone, fare l’orlo in un pantalone... sarei da sposare! Il look è un buon biglietto da visita.

V50 - Per le nostre lettrici, che ricetta veloce e gustosa consiglia?

CHB – Un buon spaghetto pomodoro e basilico con datterini cotti qualche minuto, olio e aglio; servirli dopo avere spolverato il piatto con un mix di pancotto agli odori, origano, pepe nero e Parmigiano. Sono le cose semplici che fanno la differenza.

V50 - Vista la sua ecletticità, in quale alimento si identifica?

CHB – Vorrei essere un piatto di pasta, che si trasforma come mi trasformo io da sempre, che va d’accordo con tutti gli ingredienti e che mette d’accordo tutti, che piace a tutti.

V50 - È difficile sopravvivere nel mondo degli chef super-stellati?

CHB – È un mondo molto complesso… Quando pensi di essere arrivato è il momento di mettere una marcia in più!

V50 - Si è divertito a partecipare alla nuova campagna di Fairy?

CHB – Mi piaceva l’idea di lavorare con un brand che fosse partnership nel mio lavoro. Una volta in cucina era tutto bello e facile, poi la nota dolente... i piatti chi li lava? Oggi zero problemi, basta avere una pastiglia, schiacciare un bottone e il gioco è fatto. VA MÒ LÀ.

Speriamo che ti sia piaciuta l’intervista a Chef Barbieri! Se lo avessi vicino e potessi fargli una domanda… Quale sarebbe? Raccontacelo in un commento!

Potrebbe interessarti:

Lascia un commento * Campo obbligatorio
Confermo di essere responsabile di tutto il contenuto caricato e di accettare le regole della Community

A NATALE RISPARMIA TEMPO E DENARO: MENÙ LOW COST!

Per questo Natale, ti proponiamo di risparmiare tempo e denaro, perché non serve esagerare (né far tremare di paura il tuo portafoglio).

5 IDEE PER LA TORTA PASQUALE

Di sicuro ne avrete una ricetta ereditata da nonne o zie, in caso volesse variare sul tema ecco qualche idea che va bene a Pasqua ma anche tutti i giorni.