LE PAROLE CHE FANNO BENE (A TE E AGLI ALTRI)

LE PAROLE CHE FANNO BENE (A TE E AGLI ALTRI)

A volte, i trucchi per migliorare la nostra vita ce li abbiamo… sulla punta della lingua! Scopri le "parole magiche" che ti fanno sentire meglio.

 

A volte, i trucchi per migliorare la nostra vita ce li abbiamo… sulla punta della lingua!  Spesso mi ritrovo a dare libero sfogo alla mia frustrazione, perché il dialogo nella mia famiglia si è ridotto quasi solo a monosillabi. Bisogna recuperare la buona abitudine di dirsi delle cose carine!

Se il dialogo è importante in una coppia, lo è ancor di più nell’ambito familiare. Attraverso la comunicazione, stabiliamo un contatto coi nostri figli, i nostri nipoti, il nostro partner (incluso il cane) e trasmettiamo i nostri pensieri ed i nostri sentimenti.

In questo senso, tutti, per quanto diversi siamo, vogliamo essere ascoltati, capiti e presi in considerazione; e questo non vale solo per il “dire” le cose, ma l’importante è “come” le diciamo.

IL SEGRETO STA NEL MODO IN CUI DICIAMO LE COSE

Frasi appena abbozzate e non concluse, mancanza di attenzione, parole che diventano ordini... Il fatto è che ci sono dei momenti in cui si perde il divertimento e l'affettuosità tipici di quella piccola e preziosissima comunità che è la famiglia, quella comunicazione che alimenta quel lessico familiare così importante.

A casa mia, sarà per la mancanza di tempo, la stanchezza, i problemi che eclissano tutto, le cose inutili che ci distraggono. E probabilmente sono io la prima a scatenare questo meccanismo (le donne, si sa, sono il “direttore generale” delle famiglie); così, visto il problema, ho deciso di cambiare le carte in tavola. 

LO DICONO GLI STUDI

Navigando su Internet, ho trovato un’analisi quasi scientifica di questo tipo di problemi, la quale tratta questa situazione in un modo molto più semplice di quanto credessi: il nucleo della questione è recuperare ed utilizzare nella nostra vita quotidiana quelle parole o quelle frasi che sembrano passate di moda o che vengono date per scontato, soprattutto fra persone che mantengono una relazione molto intima, come la famiglia e (a volte) gli amici. Mi son fatta una piccola lista; niente è più semplice che dire:

  • “Per piacere”
  • “Grazie”
  • “Prego”
  • “Posso aiutarti?”
  • “Posso fare qualcosa per te?”
  • “Buonanotte”

Ed ancora:

  • “Puoi darmi una mano?”
  • “Son pieno di cose da fare”
  • “Adesso non posso”

    Senza dimenticare:

  • “Scusa”
  • “Mi dispiace”
  • “Grazie mille per...”
  • “Che meraviglia!”

Suona meglio di un semplice “ok”, vero?

PROVARCI A CASA

Pensando a tutto questo, sono arrivata alla conclusione che l’unica cosa che avrei potuto fare era provarci e stare a vedere cosa sarebbe successo. Non ci crederete, ma il fatto di aver perso quell'aria da superwoman (a volte un po’ arrabbiata) e di essermi diretta ai miei cari con un sorriso ed una frase in cui ammettevo la mia stanchezza o mostravo gratitudine per qualcosa che avevano fatto, è stato come usare una bacchetta magica.

Tutte le sere, i miei figli, a turno, si sono offerti di andare a buttar via il sacchetto della spazzatura, o meglio, i sacchetti (!), sebbene per loro il fatto di riciclare sia sempre stato inutile o noioso... Ed anche mio marito ha ricominciato a darmi il bacio della buonanotte.

IL POTERE DEI SORRISI E DELLA GRATITUDINE

Quasi tutti abbiamo dimenticato che il sorriso è una specie di “virus buono”, che contagia tutti ed allevia le tensioni. Quando sorridiamo a qualcuno, gli stiamo dicendo molte cose: che ci piace che condivida con noi lo spazio, che ci è simpatico, che gli vogliamo bene, che c’è una connessione, ecc. L’altra persona, da parte sua, lo decodifica e sorride anche lei: è proprio in questo momento che i pensieri negativi vengono messi da parte e le cose ricominciano a fluire positivamente. Lo stesso succede con la gratitudine. Ringraziare è uno strumento molto potente per creare una famiglia felice; quando lo facciamo, infatti, stiamo riconoscendo il lavoro, l’aiuto, il tempo e l’importanza che può avere ciò che l’altra persona fa per noi. È un modo per “dare”! Quindi, non dimentichiamoci mai di dire “Grazie”, “Per favore”, “Mi dispiace” e sorridere, oltre ad abbracciare (anche gli abbracci sono magici: accorciano le distanze fra le persone!).

Ti è piaciuto quest’articolo? Clicca su “Mi piace” o lascia un commento. Tu che ne pensi? Raccontaci, in un commento, quali sono le tue parole magiche!

 

Potrebbe interessarti:

Lascia un commento * Campo obbligatorio
Confermo di essere responsabile di tutto il contenuto caricato e di accettare le regole della Community
  • Mostra commenti

BELLISSIMO ARTICOLO

15/03/2018

CI DOVREBBERO ESSERE LEZIONI QUOTIDIANE SU COME VOLERSI BENE

I 7 REGALI CHE FANNO PIÙ PIACERE A UNA MADRE

Ecco una lista dei regali “più apprezzati”, di quelli che ci fanno più piacere e che ricordiamo con più affetto. Magari ti possono servire d’ispirazione!

Foto e fai-da-te: i migliori ricordi, sempre con te!

Fa’ sì che i tuoi ricordi più belli perdurino per sempre con queste idee fai-da-te, che ti aiuteranno a conservare le foto in modo originale.