MINI-GUIDA PER FAR FOTO COL CELLULARE

MINI-GUIDA PER FAR FOTO COL CELLULARE

Si dice che “la miglior macchina fotografica è quella che hai con te”, e quella del cellulare c’accompagna sistematicamente dappertutto già da tempo. Impara ad usarla insieme a noi e farai tesoro di immagini e momenti speciali, perché... sai che fare foto aiuta a memorizzare ciò che viviamo?

Recentemente, mi sono iscritta ad Instagram per poter seguire mia figlia, la quale scatta delle foto stupende che a me piace commentare; sono molto orgogliosa dell’artista che c’è in lei! Un giorno mi ha detto che anch’io potevo imparare a scattare delle belle foto; mi ha dato un paio di lezioni... e devo ammettere che mi piace da matti! Non si può dire che siano come le sue, ma mi difendo abbastanza bene. Ora ti racconto quello che lei mi ha insegnato, con qualche commento in più. Spero che ti piaccia e che possa servirti!

Ad ogni modo, se anche tu stai cominciando ad entrare nei social, magari ti può interessare anche Facebook: le cose da fare e quelle da evitare.

Le foto e la memoria

Sapevi che, ad una persona che scatta delle foto, rimane impresso un ricordo più chiaro, reale e completo di quanto ha vissuto, rispetto a chi non le scatta? Il cervello è sorprendente e, sebbene non riusciamo a comprenderne esattamente il perché, è certo che sia così. La mente cattura l’immagine, il momento, l’essenza, e poi rimane un ricordo (la foto) da poter rivedere sul cellulare quanto si voglia. Quanto più si veda e si condivida con gli altri questo ricordo, tanto più la nostra memoria si consolida.

Mini-guida pratica


- Mantieni la lente pulita: la lente della macchina fotografica è uno dei componenti maggiormente esposti del telefono. Puliscila sempre molto bene con un panno morbido prima di scattare una foto! La pelle di daino per gli occhiali è perfetta.

- Dimenticati dello zoom ed avvicinati al soggetto in questione: evita lo zoom digitale ed i tagli quando editi la foto, perché ci perderai molto in qualità; è meglio se ti avvicini.

Un consiglio: le foto di dettagli sono splendide; lo sfondo si nasconde dietro a quello che catturi in primo piano e le foto vengono stupende.


- Cerca l’inquadratura perfetta: si tratta di una delle cose più importanti. Seleziona gli elementi che appariranno sulla “scena” e lascia sempre un po’ di “aria” (spazio) intorno al soggetto principale. Ad esempio, se vuoi fare una foto a tua figlia mentre guarda verso destra, la foto verrà meglio se la inquadri a sinistra e lasci un po’ d’aria nella parte di destra, come a seguire il suo sguardo.

- La regola dei terzi: a volte, il centro dell’immagine non è il punto di maggior interesse. Seguendo questa regola, puoi posizionare il centro d’interesse della foto nelle intersezioni che dividono il piano della foto in nove parti uguali (tre divisioni verticali e tre orizzontali). La maggior parte dei cellulari dispongono dell’opzione “griglia”; cercala nel menù ed attivala affinché le composizioni siano più stabili.


- Approfitta della luce del giorno: di notte, le foto perdono moltissima qualità. Quindi è meglio “adesso”, piuttosto che “più tardi”. Tuttavia, fa’ attenzione alla sovraesposizione alla luce; i giorni migliori per scattare foto all’aria aperta, per quanto possa risultare incredibile, sono quelli nuvolosi, poiché non vi sono contrasti di luce-ombra, presenti invece durante le giornate soleggiate.

Un consiglio: se c’è molto sole, sfrutta gli alberi o dei posti che possano farti un po’ d’ombra, e ricorda sempre di scattare la foto con il sole alle spalle.

- Metti bene a fuoco: la maggior parte degli smartphone permette di mettere a fuoco toccando direttamente sul display la zona che ci interessa. Fallo prima di scattare la foto ed assicurati che l’immagine risulti quanto più possibile a fuoco.

- Occhio all’inclinazione:per qualche strana ragione, non facciamo le foto col telefono dritto, ma leggermente inclinato verso il basso, e quindi la prospettiva si distorce. Ricordatene e raddrizzalo, affinché l’immagine sia più reale e più bella.

Un consiglio: puoi chinarti, sederti o addirittura stenderti per terra, per trovare una prospettiva diversa. Sì, puoi farlo davvero. Ed anche cambiare l’altezza del punto di vista può rivelarsi un’alternativa rispetto alla classica foto convenzionale.

- Cerca la stabilità: puoi utilizzare un piccolo treppiedi o sfruttare un punto d’appoggio quando desideri scattare la foto, affinché non venga mossa.

Un consiglio:non farla toccando lo schermo; c’è sempre un pulsante sul telefono con la funzione “scatto”.


- Sii creativa:
o utilizza delle “cornici” naturali per le tue immagini: uno steccato, una porta, una finestra, ecc.
o Gioca coi riflessi, sui vetri e sull’acqua.
o Cerca dei punti di fuga: le conferiscono dinamismo e profondità mediante le linee che si proiettano verso l’infinito e che convergono tutte in un punto, come i binari del treno.

- Foto al buio: prima di ricorrere al flash, è meglio che qualcuno ti faccia luce con una torcia (una di quelle di sempre oppure quella di un altro telefono) sull’oggetto che vuoi illuminare. Poi tu scatti la foto ed ecco fatto!

- Edita la foto: a me piace molto l’app SnapSeed, che puoi scaricarti da Google Play e che non è per niente male, oltre ad essere gratuita!Puoi usarla per equilibrare la foto, se per caso è venuta storta, oppure per mettere a fuoco e definire, per illuminare i colori, ecc.

Che te ne pare di questa mini-guida? Per cominciare, non è male! Se per caso qualcosa ti è sembrato “arabo”, chiedici maggiori informazioni oppure parlane coi tuoi figli e coi tuoi nipoti; saranno sicuramente felicissimi di poterti dare una mano, nel caso in cui tu abbia qualche dubbio. Prendendo questa guida come punto di partenza, puoi fare tutto ciò vuoi. Se questo argomento ti entusiasma, magari ti interessa anche questo articolo: Come si fa un blog?.

Potrebbe interessarti:

Lascia un commento * Campo obbligatorio
Confermo di essere responsabile di tutto il contenuto caricato e di accettare le regole della Community

CURA DEI TESSUTI: LA RIVOLUZIONE SEGRETA

Un tempo tutto ruotava intorno allo smacchiare i tessuti. Ora, grazie alla chimica intelligente, è possibile mantenere i tessuti come nuovi più a lungo.